. . .

Mister Rossi punta il dito contro Claudio Lotito e Angelo Fabiani per la gestione della querelle multiproprietà e per l’allestimento di un organico non ritenuto all’altezza. E si dice pronto a tornare…

Duro commento del tecnico Delio Rossi ai microfoni di Radio Bussola 24. Ecco uno stralcio delle sue dichiarazioni: “Tutto si può dire, tranne che Lotito sia uno sprovveduto. Proprio per questo non mi sarei mai aspettato che la Salernitana si trovasse in questa situazione a due giorni dalla scadenza. Non potrà mai credere che una piazza con questo bacino d’utenza non faccia gola a qualche imprenditore serio, evidentemente l’ex presidente ha giocato male le sue carte e ora deve assumersi le sue responsabilità. Ha propinato alla tifoseria un campionato di serie A decisamente non all’altezza, la rosa è stata costruita davvero male. Non ci vuole certo molto per capire che la A è un’altra storia e c’è bisogno di una ossatura importante. Che parta dal portiere, da un forte difensore centrale e da un grande centrocampista, senza dimenticare il famoso numero 9 che butti i palloni in porta. Simy? Quando una squadra è ultima in classifica non è corretto individuare un solo responsabile, è chiaro che le sue caratteristiche richiedono un certo tipo di gioco che gli consenta di rendersi pericoloso. Non fa della rapidità e dell’uno contro uno le sue armi migliori, è un buon giocatore ma forse serviva anche altro. Dalla C alla B puoi mantenere la stessa ossatura e basarti sullo spirito di gruppo e la compattezza dello spogliatoio, quando invece calchi il massimo palcoscenico devi fare scelte diverse. Già l’anno scorso l’allenatore aveva fatto un miracolo, la Salernitana non era certamente la più forte del campionato. Ora c’è una situazione urgente da risolvere, mi auguro che le cose possano andare per il meglio perchè sarebbe una brutta mazzata per la città di Salerno. Tornare? Non mi piace parlare con i se e con i ma. Di certo c’è che, in questi 10 anni, non sono mai stato contattato. Ma è altrettanto vero che in alcune piazze sono tornato anche a distanza di tempo”.